News

Trasloco a 5 Stelle

La conferma: il rostipub Da Giuggi di via Schiavonetti, aperto col Microcredito 5 Stelle, è stato chiuso. Ma - dicono i gestori - per proseguire l'attività altrove. "Un grosso problema tecnico e discorsi stupidi coi vicini. Ci spostiamo a Thiene"

Alessandro Tich
bassanonet.it, 29 feb 2016 23:57 | Visto 2853 volte

Trasloco a 5 Stelle

Foto Alessandro Tich

Rostipub Da Giuggi, atto secondo.
Sulla vicenda della chiusura del locale di via Schiavonetti in città, il cui avvio lo scorso novembre è stato finanziato col Microcredito 5 Stelle - alla quale abbiamo dedicato un primo articolo, che ha scatenato un prevedibile putiferio -, è il momento delle conferme e delle precisazioni. La conferma è che il locale di Bassano è stato chiuso. Punto e basta. I due gestori, marito e moglie, non lo riapriranno più. La precisazione è che invece non chiude l'attività, per la quale viene espressa l'intenzione di trasferirla altrove.
La qual cosa, con buona pace di sostenitori e detrattori della causa, comporta una ambivalente interpretazione del significato del verbo “chiudere”.
“Noi non chiudiamo - puntualizza la contitolare Laura San Brunone -. Abbiamo avuto un problema tecnico elettrico che si è rivelato più grande del previsto. Per risolverlo avremmo dovuto compiere dei lavori supplementari, rompere una parete in cartongesso e spendere ancora dei soldi. Tutto è iniziato da lì. E allora abbiamo deciso: ci spostiamo a Thiene. A Thiene noi abitiamo, qui abbiamo comprato la casa e qui vanno a scuola le mie due bambine. E' vicino a casa ed è più facile gestire le cose.”
Alla nostra richiesta di saperne di più sul problema tecnico con l'elettricità, talmente grosso da generare una così drastica decisione, la giovane esercente risponde di non poterlo spiegare con precisione perché la questione “è stata seguita da suo marito”.
L'intenzione espressa della coppia è quella di trasferire, nel Comune di residenza, la stessa identica attività di Bassano: rosticceria adibita a pub e a gastronomia da asporto con prodotti gastronomici artigianali siculo-pugliesi. Con l'apertura, nello stesso locale, anche di un bar. Gli arredi che da quasi due mesi sono rimasti al loro posto nel rostipub “abbandonato”, bancone e tavoli compresi, sarebbero pertanto in attesa di una nuova sistemazione.
“Dovremmo farlo tra un mesetto”, dice la nostra interlocutrice.
Vi è dunque solo una questione tecnica legata all'energia elettrica alla base dell'annunciato trasloco a 5 Stelle? Nossignori. Perché in realtà, dietro le quinte della fulminea parabola del pubblico esercizio che ha resistito a Bassano solo un mese e mezzo, c'è anche qualcosa di più profondo.
“Non mi piace quella zona”, si lascia scappare la rosticcera e aspirante barista siciliana. Le chiediamo perché. “Ci sono state delle situazioni che non mi sono piaciute - rivela Laura San Brunone -. Mi riferisco a degli inizi di discorsi che abbiamo avuto con il vicinato. Non ho voluto entrare in discorsi stupidi, mi ritengo una persona intelligente. Questa cosa ha favorito la decisione di spostarci. E poi, come ha scritto lei, quella via è una zona difficile da portare avanti. Preferisco lavorare bene.”
Il linguaggio è un po' criptico, ma la sostanza è chiara.
Tra il rostipub siculo-pugliese e qualche residente della via, probabilmente della stessa palazzina, sono sorte delle incomprensioni. Per ragioni private che rimarranno conservate negli archivi condominiali. E se via Schiavonetti “è una zona difficile da portare avanti” anche lo scarso richiamo della clientela avrà giocato la sua parte.
La San Brunone, tuttavia, intende puntualizzare anche un'altra cosa:
“Il Microcredito c'è sempre, io continuo a pagare le rate. Solo che ci spostiamo.”
Excusatio non petita: nessuno ha mai scritto che il finanziamento bancario favorito dal Microcredito grillino sia stato bloccato o revocato.
Ma è giusto comunque riportarla, per quella che rimane in ogni caso un piccola storia emblematica di questo nostro Paese.
Destinazione Thiene, dunque. Dove, per la cronaca, si è trasferito anche il kebab che esercitava nello stesso locale prima del rostipub.
Da quelle parti, gli stuzzichini del Sud - ce lo auguriamo di cuore - avranno sicuramente più fortuna.

© Riproduzione riservata

News

Commenti in ordine cronologico (Totale 10 commenti)

se chiudono definitivamente il problema è loro e di chi gli ha dato fiducia e messo la garanzia (il movimento con i soldi che in definitiva non sono più pubblici ma dei parlamentari). A Naso direi che il problema di base è una grave carenza tecnica del locale che per fare una rosticceria (o un Kebab) avrà pur bisogno di un aspiratore o canna fumaria. Ma la autorizzazione sanitaria è stata data?

Pubblicato da yimby
01 mar 2016 00:59

Ci sarebbe stato tutto questo casino (polemiche e commenti stupidi) se non ci fosse stato di mezzo il Movimento 5 Stelle?
Qual'è veramente il problema? Gli imprenditori oppure l'iniziativa del Microcredito?
Come al solito: se non fai nulla sei come tutti gli altri.
Se prendi qualche iniziativa sei un incompetente e faresti meglio a lasciar perdere. E diventi peggio degli altri...

Pubblicato da maelstrom
01 mar 2016 06:40

maelstrom,

in questo caso c'è l'inesperienza degli imprenditori che hanno fatto una scelta di posizione NON strategica per una attività di quel genere.

A volte si fanno certe scelte a fronte del canone di affitto: vado lì perchè costa poco ma lo scotto è che lì (dove costa poco) sei poco in vista.

Dispiace quando attività in centro storico chiudono ma bisogna essere più attenti nella scelta della posizione in base al tipo di impresa che si vuole fare. Se avessero preso un posto a ridosso del ponte degli alpini avrebbero pagato sicuramente di più ma avrebbero lavorato meglio, specialmente nei fine settimana.

Pubblicato da buscoi
01 mar 2016 08:39

buscoi,
sono assolutamente d'accordo con quanto scrivi. Il posto è abbastanza sfigato e prima di prendere in affitto un locale bisognerebbe studiarne il contorno (flusso pedonale in primis) ed informarsi da chi abita nella zona.
Purtroppo sono tanti che, come scrivi, guardano soprattutto ai costi.
Quel che non capisco però è perchè qui notizie.bassanonet.it/attualita/22712.html#comments c'è chi spara a zero sul M5S e sul microcredito.
Non c'entra assolutamente niente col caso in questione.


Pubblicato da maelstrom
01 mar 2016 18:18

Premesso che uno con i suoi soldi fa quello che vuole, visto il risalto mediatico e politico dato all'apertura del locale .. mi piacerebbe capire il metro di giudizio utilizzato per dire aiuto TIZIO, piuttosto che CAIO o SEMPRONIO. Il tutto per dare una giustificazione plausibile e convincente a chi invece poteva essere più meritevole, in termini non solo imprenditoriali, ma anche commerciali e turistici, ed invece si trova ancora al palo, se non addirittura invogliato definitivamente a mollare l'osso.

Pubblicato da ninobixio
02 mar 2016 11:55

Probabilmente lo stesso metro di giudizio utilizzato dalle 5 banche da me contattate per un mutuo prima casa, delle quali una soltanto ha accettato la domanda.

Pubblicato da maelstrom
02 mar 2016 18:58

se chi scrive usa meno pregiudizio forse gli articoli sarebbero più corretti

Pubblicato da mimmolam
07 mar 2016 16:24

Nessun giudizio su chi ci ha messo i soldi o chi glie li ha prestati, non sono fatti nostri. Ma qualche opinione sarà pur concessa e se a pensar male si fa peccato ma... Un imprenditore di Thiene viene a Bassano in una notte buia e ad occhi chiusi, trova un locale disponibile e decide di aprirlo (ma non servivano licenze? Il Comune non ha detto niente? Boh, tiriamo avanti). Spunta il sole, lui apre gli occhi e si accorge che quella via non è adatta, chissà come non ci aveva pensato prima: contrordine si chiude, fra l'altro è troppo lontano da casa, con buona pace di chi e chissà perchè aveva deciso che lui era un imprenditore più lungimirante di altri e meritava il loro finanziamento. Va bè fa niente, il gestore si risveglia dal brutto sogno, chiude la porta a chiave e se ne va lasciando lì tutto, compresi i lavori già pagati e che qualche soldino saranno pur costati, e torna nella sua natia Thiene, località notoriamente molto più turistica a cui Bassano e il suo ponte fanno un baffo. E già che c'è ci apre anche un bar avendo trovato i soldi per rilevarlo che un mese prima invece non aveva. Vai a capire 'sti imprenditori... Madonna che malpensante che sono, forse ho sognato anche io.

Pubblicato da elfo-coboldo
07 mar 2016 16:36

Visto, che siamo in argomento della gastronomia quando c'era il kebap li è ha chiuso i battenti, questa attività ha aperto in silenzio e se ne andata in silenzio senza fare nessun rumore, anche se era gestita da un straniero che sicuramente aveva relizzato con tanti sacrifici e dolore, però è c 'e sempre un però sia l'apertura sia la chiusura nessuna penna se ha sprecata, o ha messo giù una lacrima d'inchiostro per la perdita e la chiusura di un attività commerciale almeno così me sembra, ma visto che qua se tratta per lo più di mettere in risalto l'attività politica allora diamoci dentro, e viva la democrazia.
Bassano ha bisogno di più di questi soliti commenti que generano solo polemiche contraddittorie, con tanto di spreco di tempo e denaro. Una vera politica di rilancio che aiuterebbe i commerciante i varie attività a non chiudere, o anon fare una vita solo di sacrifici e lavoro senza avere nessuna sottisfazione sarebbe un buon inizio,

Pubblicato da vudoo
07 mar 2016 17:50

L'insistenza con la quale la redazione continua a girare intorno all'argomento "Roosty Pub aperto grazie al microcredito M5S" è a dir poco imbarazzante... Fosse almeno accompagnata da articoli senza palesi pendenze verso partiti opposti al Movimento5 Stelle almeno...
Avete tempo fa dato largo (ed immeritato rispetto ad altri argomenti sicuramente più importanti) spazio al discorso del Roosty che ha chiuso, millandando le cause meno onorevoli della sua chiusura, e dopo che fra i commenti molti lettori avevano smentito il vostro articolo pubblicando la verità (semplice trasloco, e non "intascarsi i 25.000€ del microcredito" come il vostro articolo voleva far intendere), mi cadete con un articolo che gira intorno alla situazione senza descrivere la verità così com'è. Possiamo girare attorno per giorni sulla definizione "chiuso" per trovarne una che vi faccia sembrare meno di parte, ma la verità è che HANNO SEMPLICEMENTE SPOSTATO L'ATTIVITA' A THIENE!!! 1 riga per ringraziare il M5S che grazie alla sua opera ha avviato un'attività che ANCOR OGGI è aperta vi sembrava così brutto? Facevate più bella figura di questa sapete, fidatevi... ;-)

Pubblicato da iron1984
07 mar 2016 23:46

Per poter inviare un commento devi essere registrato e autenticato.

Accedi Registrati ora